Sky
Giovedì 20 Aprile 2017 Scoprila »

L’Europa guarda la Corsa all’Eliseo: Macron e Le Pen in testa

Il viaggio del premier italiano in vista del G7. Faccia a faccia anche su relazioni Italia-Usa. Domani incontro con il premier canadese Trudeau. Intanto il segretario di stato statunitense punta il dito contro Teheran: “Può essere nuova Corea del Nord”. Le conseguenze del voto francese sull’Italia. Sondaggi: leader En Marche! aumenta distacco sulla leader Front National. LE ULTIME
leggi di più >
In primo piano

Gessica: "Ecco il mio volto sfregiato dall'acido"

Ospite in un programma televisivo, la giovane riminese ha mostrato le ferite: "Voglio che si veda cosa mi ha fatto, questo non è amore"

leggi di più >
In primo piano

"Uso scorretto del cellulare ha causato un tumore"

Storica sentenza del Tribunale di Ivrea. Inail condannata a pagare Treviso: infermiera fingeva vaccini. Asl richiama 500 pazienti 

leggi di più >
Eslusiva di oggi
Attualità

Lombardia: a ottobre referendum per l'autonomia

Maroni: "Domani la data". La consultazione forse "insieme a quella del Veneto". E il Pd invita al confronto con il governo
leggi di più >
Cronaca

Turchia, la compagna di Del Grande: "Filmava i profughi"

Tensione tra Roma e Ankara sul caso del reporter arrestato al confine. Ieri negato incontro con autorità italiane e suo legale
leggi di più >
Esteri

Venezuela, scontri e proteste contro Maduro: 3 morti

Decine di migliaia di persone hanno manifestato nel Paese per chiedere elezioni e il rilascio del leader dell’opposizione
leggi di più >
Gossip

Julia Roberts è di nuovo la donna più bella del mondo

A decretarlo è stato il settimanale "People". Ed è già la quinta volta per Pretty Woman
leggi di più >
Spettacolo

Capossela in visita a Napoli per il Festival di Sky Arte

Sopralluogo dell'artista al Rione Sanità per definire i dettagli del suo concerto-evento
leggi di più >
Sport

Serena Williams mamma in autunno: incinta di 5 mesi

Annuncio social della tennista statunitense. Rientro nel 2018, obiettivo: il record degli Slam
leggi di più >

Pneumatico volante in farmacia

È successo in Turchia dove due uomini sono stati colpiti da una ruota entrata direttamente dalla porta d'ingresso

High Voltage Weekend

L’energia è al massimo con i Playoff NBA, la Finale Masters 1000 di Monte-Carlo, El Clásico Real Madrid – Barcellona su Fox Sports e il Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP. Impossibile staccare la spina, sarà una scarica di adrenalina!

Cosa vedere oggi su Sky
Il condominio dei cuori infranti  

CINEMA

Il condominio dei cuori infranti

Sky Cinema Cult HD, ore 21.00
Una vicenda surreale e coinvolgente con Isabelle Huppert, Michael Pitt e Valeria Bruni Tedeschi
leggi di più

DOCUMENTARIO

BookLovers: il Confine

Sky Arte HD
ore 21.15
Un viaggio tra i luoghi italiani che hanno ispirato i più importanti scrittori di tutti i tempi
leggi di più

INTRATTENIMENTO

Matrimonio a prima...

Sky Uno HD
ore 21.15
...vista Italia. Tornano i matrimoni al buio fra 3 coppie di sconosciuti formate da un team esperto
leggi di più

INTRATTENIMENTO

Tutti pazzi per il se**o

CI Crime+Investigation HD
ore 22.00
La serie piccante che si immerge nelle bizzarre esperienze di alcune coppie di innamorati
leggi di più
Titolare dei dati è Sky Italia s.r.l. Via Monte Penice 7- 20138 Milano - Service Provider: Fastweb S.p.A., Via Caracciolo 51, Milano
Direttore Sky Evening News: Flavio Natalia

La notizia del giorno

L’Europa guarda la Corsa all’Eliseo: Macron e Le Pen in testa

Il viaggio del premier italiano in vista del G7. Faccia a faccia anche su relazioni Italia-Usa. Domani incontro con il premier canadese Trudeau. Intanto il segretario di stato statunitense punta il dito contro Teheran: “Può essere nuova Corea del Nord”. Le conseguenze del voto francese sull’Italia. Sondaggi: leader En Marche! aumenta distacco sulla leader Front National

Mancano poche ore all’incontro tra il Presidente del Consiglio italiano Paolo Gentiloni e il presidente degli Stati Uniti Donald Trump. Un faccia a faccia che arriva ad un mese dal G7 di Taormina del 26 e 27 maggio, dove i due leader si rincontreranno nuovamente. Cinque mesi dopo le elezioni americane, per la prima volta nell’era Trump, Gentiloni varcherà la soglia della Casa Bianca.

Casa Bianca: primo incontro Gentiloni-Trump
Trump riceverà Gentiloni nel primo pomeriggio (sera in Italia) e i temi caldi dell’incontro, con tutta probabilità, saranno quelli della sicurezza e della lotta all’Isis oltre che quelli legati allo scenario internazionale: dalla Libia alla Siria, fino all’Iraq, dove l’Italia è presente con ruoli di addestramento e di protezione della diga di Mosul. Inoltre, il nostro Paese è impegnato con uno schieramento di circa 4.100 militari non solo in Iraq, ma anche in Afghanistan, Libano, Mali e Libia, con compiti di sostegno e addestramento delle forze di sicurezza locali. È anche plausibile che Trump ricorderà a Gentiloni quello che ha già chiesto agli altri Paesi alleati e nel corso del recente incontro col segretario generale della Nato: portare al 2% dei rispettivi Pil le spese destinate alla difesa. «I nostri rapporti con gli Stati Uniti sono storici: ci teniamo molto, sono sempre stati il pilastro della nostra politica estera. È interesse dell'Italia coltivare questa relazione perché è fondamentale per gestire le crisi del Mediterraneo a partire dalla Libia», ha detto Gentiloni a poche ore dall'incontro alla Casa Bianca. «Questo - ha evidenziato il premier in un intervento al think thank di destra 'Center for Stategic and International Studies - può essere l'anno della sconfitta di Daesh». Dopo l’incontro alla Casa Bianca, il premier italiano volerà ad Ottawa, dove domani ci sarà l’incontro anche con il primo ministro canadese Justin Trudeau per un faccia a faccia che, come ha ribadito lo stesso leader canadese in una nota, si propone di dare ulteriore impulso alla "forte partnership sul piano commerciale degli investimenti" tra i due Paesi.

Gli Usa avvertono l'Iran sul nucleare: "Pronti a rivedere accordi"
La tensione sullo scacchiere internazionale non accenna a placarsi. Dopo l’avvertimento di un attacco preventivo alla Corea del Nord per frenarne le ambizioni nucleari, gli Stati Uniti si rivolgono anche all’Iran. Trump non ha mai visto di buon occhio lo storico accordo sul nucleare raggiunto da Obama nel luglio 2015. Un'avversione che trova conferma nelle parole del segretario di Stato Rex Tillerson: si sta lavorando, infatti, ad una «grande revisione» dell’accordo. Sul tavolo c’è anche l’ipotesi di riattivare le sanzioni verso Teheran. Non usa mezzi termini Tillerson: «L’Iran spende la sua ricchezza e il suo tempo per distruggere la pace. Le sue ambizioni nucleari sono un grave rischio per la pace internazionale e la sicurezza». «Un Iran senza controllo può intraprendere lo stesso percorso della Corea del Nord e trascinare il mondo con sé», ha dichiarato Tillerson.

Presidenziali Francia, domenica si vota per il primo turno
Forte scetticismo, voglia di astensionismo e incertezza. Così si presenta il voto per le presidenziali francesi a tre giorni dalle urne. I quattro principali candidati sono distanziati di pochi punti. In testa, seppur in calo, c’è ancora il candidato centrista e pro-europeo di En Marche!, Emmanuel Macron, precedendo di pochissimo la candidata del Front National. Un francese su tre è ancora indeciso: sarà decisiva la capacità di mobilitazione. Toni forti quelli di Marine Le Pen, nel grande comizio di ieri a Marsiglia. Dal giorno della mia elezione "varerò una moratoria sull'immigrazione legale”, ha dichiarato,  spiegando che questo servirà a fare "il punto della situazione". "Sono l'unica a parlare di immigrazione, è drammatico", ha continuato, attaccando, tra l'altro, la cancelliera tedesca, Angela Merkel, che "ha fatto venire un milione di persone senza alcun controllo,di molti abbiamo anche perso la tracce...". "Basta immigrazione di massa", ha tuonato la candidata del Front National, che come prima misura in caso di vittoria all'Eliseo promette di "chiudere Schengen" e ripristinare le frontiere nazionali della Francia. Intanto, Emmanuel Macron ha ricevuto l'appoggio del Primo ministro socialista, Manuel Valls. Il politico ha infatti scritto una lettera aperta ai cittadini di Evry, città in cui aveva ricoperto l'incarico di sindaco, per esortarli a votare il candidato centrista al primo turno di domenica 23 aprile. Macron, attualmente in testa nel sondaggio di Le Monde con il 23% dei voti, sarebbe il candidato che per Valls “offre più garanzie per evitare il pericolo, oggi reale, di un secondo turno tra Marine Le Pen e Francois Fillon, una catastrofe per il nostro Paese e i suoi valori”.

Sondaggi: Macron e Le Pen in testa. Scenari per l’Italia
Emmanuel Macron al 25%, Marine Le Pen al 22%: queste le cifre dell'ultimo sondaggio sulle presidenziali, pubblicato a 3 giorni dal primo turno. Nell'inchiesta dell'istituto Harris Interactive per France Télévisions, dietro i due favoriti ci sono François Fillon e Jean-Luc Mélenchon, candidati della destra Républicains e della sinistra radicale appaiati al 19% delle intenzioni di voto. I margini di errore prevedibili sono ancora tali da lasciare ai due inseguitori ampie possibilità di passare al secondo turno. Molto staccato, il socialista Benoit Hamon al 7,5%, ormai quasi la metà del 14% che aveva a inizio febbraio, dopo le primarie vinte. Intanto, sul voto francese ci sono gli occhi di tutta Europa e, in particolare, dell’Italia. Il fronte sovranista ed euroscettico (dal Movimento 5 Stelle alla Lega) spera in un exploit della Le Pen. Uno scenario che darebbe nuova linfa al risentimento anti-europeo che ha portato, ad esempio, alla Brexit. A giovare dell’eventuale successo di un moderato come Macron, invece, ci sarebbero soprattutto Forza Italia e Partito Democratico. Una sconfitta lepenista consentirebbe a Renzi e Berlusconi di proporsi eventualmente come protagonisti per trattare con Bruxelles in vista di una riforma dell’Unione Europea.

Sport Breaking News

Juve in semifinale, domani i sorteggi

Stasera tocca all'Europea League: le sfide del Manchester United, Ajax e Lione. Serie A, da Spalletti a Pioli: i movimenti sulle panchine

Serviva la gara perfetta, e così è stato. Ieri la Juventus di Allegri ha alzato la saracinesca e costruito una fortezza inespugnabile sul terreno di gioco. Al Camp Nou finisce 0-0, la “remuntada” dei blaugrana non è stata nemmeno sfiorata. «La Juve adesso mette paura», parola di Leonardo Bonucci nel post-partita. Intanto, la settimana di coppe continua stasera con l’ultima fase dei quarti di finale di Europa League. Occhi puntati sul Manchester United di Mourinho, che vuole il trofeo per guadagnarsi un posto in Champions.

Muro bianconero. Luis Enrique: “Juve può vincere Champions”
Celebrata dalla stampa e dal mondo del calcio, la Juve vola in semifinale con la porta inviolata nel doppio scontro con quel tridente, Messi-Suarez-Neymar, da molti considerato il più forte al mondo. Il capolavoro di Allegri è servito. Ottavo clean sheet per la Juve, che ha la miglior difesa di questa Champions: soltanto due sole incassate, tra l'altro nella fase a gironi. Una vittoria che si fregia anche delle parole del tecnico blaugrana Luis Enrique: «Questo è il calcio, noi abbiamo pensato a giocare velocissimi, puntando la porta, ma è mancata un po' di lucidità negli ultimi metri. La Juventus ha un grandissimo allenatore, ha grandi campioni, ha tutte le possibilità di vincere, ma altre squadre pensano di fare lo stesso». Due partite, tre gol subiti, zero realizzati, così il Barcellona dice addio alla Champions League.

Domani i sorteggi. Le parole di Marotta
E domani alle 12 si torna a fissare l’urna di Nyon, in attesa dell’ultima avversaria sulla strada verso la finale di Cardiff. Due mesi dopo, di nuovo nel quartiere generale dell’UEFA: allora Ian Rush pescò una delle palline più pesanti, quel Barcellona che - al di là delle previsioni di Bonucci - in pochi avrebbero voluto incrociare (soprattutto pensando alle possibili alternative, Leicester e Monaco). La squadra del Principato sarà ancora lì, nell’urna assieme alle due metà di Madrid. «C’è la consapevolezza di aver meritato questa semifinale, perché è frutto del lavoro. Atletico Madrid, Monaco e Real Madrid hanno tutte pro e contro. Ma il prossimo mese è altrettanto importante, con il rush finale per l'obiettivo scudetto», ha dichiarato l’ad della Juventus Marotta. «I meriti di Allegri - ha sottolineato - sono tanti, nei tre anni con lui abbiamo conquistato due qualificazioni alle semifinali. Ha avuto un ruolo importante, anche psicologico nella gestione degli uomini e nel dare la mentalità giusta alla squadra».

Bonucci: "Ora sono le altre a temerci"
«La Juve adesso mette paura. Bisognerebbe chiedere alle nostre avversarie chi non vuole incontrarla in semifinale. Il nostro obiettivo è andare a Cardiff. Ce la giocheremo con tutte, il Monaco sulla carta è più facile ma ha dimostrato di essere una squadra temibile, di qualità, con corsa. Saranno due grandi semifinali», Bonucci non nasconde la consapevolezza dello stato di grazia dei bianconeri. «Sapevamo che venivamo a giocare la partita rischiando, siamo stati bravi a rimanere uniti e compatti - ha aggiunto -. Merito della grande corsa degli esterni, è stata una grande prova di sacrificio e umiltà. Io ho sbagliato qualche pallone di troppo in uscita però era questa la partita da fare, chiudere gli spazi e ripartire. La qualificazione col Barça conferma che siamo una grande squadra. C'è solo da applaudire questa Juve». Ora si può sognare: il triplete non è utopia.

Europa League: United, Ajax e Lione per la semifinale
L’Europa League torna in campo stasera (diretta alle 21.05) con quattro match aperti e tutti da seguire. C'è grande allerta per gli scontri dell’andata tra Lione e Besiktas. Stasera all'Ataturk di Istanbul, andrà in scena la sfida di ritorno (in chiaro su Tv8). Spazio anche a Ajax-Schalke 04 (Sky Sport 3 HD e Sky Calcio 3 HD) e Celta Vigo-Genk (Sky Calcio 4 HD). Ma l’attenzione è soprattutto sul Manchester United che ospita in terra albionica l’Anderlecht (Sky Sport 1 HD dalle 21.05). La prima gara è finita 1-1, ma all’Old Trafford dovrebbe andare diversamente. I Red Devils, favoriti per la vittoria del torneo, in casa non perdono da 16 gare europee (13 vittorie e 3 pareggi) e non prendono gol da 277 minuti. La netta vittoria di domenica scorsa contro il Chelsea ha inoltre evidenziato un ottimo stato di forma della squadra di Mourinho, che nel ritorno contro l’Anderlecht potrà contare anche su Ibrahimovic, lasciato a riposo nella sfida contro i Blues. Vincere l’Europa League significherebbe andare di diritto in Champions, un obiettivo prioritario per la stagione dello United.

Serie A, panchine girevoli: da Spalletti a Pioli
Intanto, mentre la Serie A si appresta alla volata finale, i club si preparano alla rovente estate di calciomercato. Non solo giocatori. Per la nuova stagione si annunciano grandi cambiamenti ai timoni delle big. A cominciare dall’Inter di Suning. La nuova proprietà vuole una “rivoluzione” per far tornare il club ai fasti di un tempo. E lo slot panchina potrebbe essere il primo indiziato: il sogno, grazie ad un ampio budget a disposizione, è quello di convincere Conte o Simeone. Considerando la difficoltà di arrivare a questi due nomi, urge anche un piano b. E tra i rumors di questi giorni spunta il nome di Luciano Spalletti. Lui lo aveva detto. Via dalla Roma se non fossero arrivati risultati. Ora i giallorossi sono fuori da tutte le coppe, e per lo Scudetto servirebbe un vero e proprio miracolo. La società capitolina si sta già muovendo tra gli scenari alternativi. Il possibile arrivo del ds Monchi, infatti, potrebbe significare l’approdo di Emery (in uscita dal Psg): i due si stimano molto e hanno collaborato insieme per lungo tempo a Siviglia. Ma tra le tentazioni giallorosse - seppur difficile - c’è anche quella che porta il nome di Maurizio Sarri. In ballo c’è la clausola da 8 milioni, e, nonostante alcune tensioni con De Laurentiis, l’attuale tecnico azzurro sembra trovarsi bene a Napoli. Tra i mille giochi di incastri si parla anche di Paulo Sousa. Se Pioli dovesse abbandonare Milano, la destinazione potrebbe diventare Firenze. A quel punto il tecnico portoghese sarebbe libero e, grazie all’esperienza acquisita nel campionato italiano (la dirigenza giallorossa vorrebbe qualcuno che già conosce il campionato), diventerebbe un’ipotesi per la panchina della Roma.

In primo piano

Gessica: "Ecco il mio volto sfregiato dall'acido"

Ospite in un programma televisivo, la giovane riminese ha mostrato le sue ferite: "Voglio che si veda cosa mi ha fatto, questo non è amore"

Ha scelto di raccontarsi, di non nascondersi. E, con coraggio, di mostrare per la prima volta le ferite che l’acido ha lasciato sul suo volto. Gessica Notaro, la giovane miss riminese aggredita e deturpata dal suo ex fidanzato il 10 gennaio scorso, ha deciso che tutti devono sapere come l'ha ridotta l’uomo che diceva di amarla. "Voglio che si veda cosa mi ha fatto, questo non è amore", ha detto la 27enne, ospite alla registrazione del "Maurizio Costanzo show", tra gli applausi scroscianti del pubblico.

La denuncia e l'intervento del ministro Orlando
Nel salotto di Costanzo la giovane ha lamentato il fatto che, dopo la prima denuncia ai danni dell’ex fidanzato, il capoverdiano Jorge Edson Tavares, la procura ne chiese l’arresto, ma il gip dispose il divieto di avvicinamento alla ragazza. Qualche mese dopo, Tavares, che ora è in carcere a Forlì, la aggredì con l’acido. Intanto, il Ministro della Giustizia, Andrea Orlando, ha annunciato che la incontrerà giovedì 27 aprile.

In primo piano

"Uso scorretto del cellulare ha causato un tumore"

Storica sentenza del Tribunale di Ivrea. Un nuovo caso, intanto, riapre la polemica sui vaccini


Una sentenza destinata a fare storia quella emessa dal Tribunale di Ivrea, che ha condannato l’Inail a corrispondere una rendita vitalizia da malattia professionale al dipendente di una azienda cui è stato diagnosticato il tumore dopo che per 15 anni ha usato il cellulare per più di tre ore al giorno senza protezioni. "Per la prima volta una sentenza riconosce un nesso tra l'uso scorretto del cellulare e lo sviluppo di un tumore al cervello" hanno spiegato gli avvocati Renato Ambrosio e Stefano Bertone, dello studio legale torinese Ambrosio e Commodo. La sentenza, dello scorso 30 marzo, è del giudice del lavoro Luca Fadda. "Speriamo che la sentenza spinga a una campagna di sensibilizzazione, che in Italia non c'è ancora", afferma l'avvocato Stefano Bertone. "Come studio - aggiunge - abbiamo aperto il sito www.neurinomi.info, dove gli utenti possono trovare anche consigli sull'utilizzo corretto del telefonino".

 


Treviso: infermiera fingeva di vaccinare i bambini
Si riapre la polemica sui vaccini con un nuovo caso avvenuto a Treviso, dove, un’infermiera è al centro di un procedimento disciplinare della Asl2 perché sospetta di aver solo finto di vaccinare i bambini, buttando le fiale dopo aver registrato la prestazione. I colleghi si erano insospettiti, perchè i bimbi non piangevano durante l'iniezione. Il caso era stato segnalato nel giugno 2016 a Nas e Procura. Ma a marzo 2016 il gip, su richiesta del pm, aveva archiviato. L'Asl, ritenendo si configuri "una grave violazione dei doveri professionali", ha avviato una campagna di richiamo che riguarda potenzialmente 500 pazienti (bimbi e adulti), fissando delle giornata vaccinali straordinarie e mirate per varie patologia il 24 e 28 aprile e il 2 e 6 maggio. La Procura di Treviso, intanto, sulle base di nuovi elementi raccolti da un'indagine interna dell'Asl, sta valutando la possibilità di riaprire il fascicolo.


Commissario Ue: “anti-vaccino vergognatevi”
L’aumento del numero di casi di morbillo registrati in Italia da gennaio 2017 preoccupa gli americani, che hanno classificato il nostro paese come “a rischio salute” per i cittadini Usa che intendono viaggiare all’estero. I dati arrivano dal Ministero della Salute e segnalano un incremento del 230% nei primi mesi dell’anno. A fronte degli 844 casi di morbillo segnalati nel 2016, dall'inizio dell'anno sono già stati registrati più di 700 casi. La maggior parte di questi sono stati segnalati in Piemonte, Lazio, Lombardia e Toscana. Più della la metà fra i 15-39 anni.  Sull’argomento si è pronunciato anche il commissario UE alla salute Vytenis Andriukaitis: "Nei giornali di oggi: epidemia di morbillo in Italia, prima morte per morbillo in Portogallo e aumento dei casi di morbillo in Germania. Deplorevole. Vergognatevi anti-vaccino!".



Attualità

Lombardia: a ottobre referendum per l'autonomia

Maroni: "Domani la data". La consultazione forse "insieme a quella del Veneto". E il Pd invita al confronto con il governo

"Domani in giunta annuncerò la data del referendum per l’autonomia" della Lombardia. Lo ha detto il presidente della Regione, Roberto Maroni, interpellato dai giornalisti al Salone dello studente. Il governatore lombardo ha confermato che la consultazione si dovrebbe tenere "a ottobre", probabilmente "insieme a quella del Veneto".
"Oggi sentirò il presidente Zaia - ha spiegato Maroni - e domani annuncerò la data. Devono partire le procedure, abbiamo già fatto la gara per il voto elettronico e il cronoprogramma è chiaro".

Referendum consultivo
La volontà sarebbe quella di trattenere più risorse sul territorio: quei 15-20 miliardi di residuo fiscale, la differenza cioè tra le entrate e le spese della Regione. Il referendum non richiederà il quorum e sarà solo consultivo: in caso di vittoria del Sì partirà la trattativa con il governo.

Le reazioni
Il mondo politico si è diviso alla notizia. Favorevole al quesito referendario il presidente del Consiglio regionale della Lombardia, Raffaele Cattaneo, secondo cui "c’è bisogno di rilanciare un nuovo regionalismo, che consenta di gestire più competenze e di tenere più risorse sul territorio". Diffidente il consigliere Dario Violi del M5S che chiede di "vedere il decreto firmato" e accusa Maroni di "non aver fatto mai nulla per ottenere" l'autonomia della regione. "Il presidente della Regione - ha commentato Violi -  fin qui ha evitato il referendum, addossando al Governo il rallentamento della chiamata alle urne dei lombardi" ed "evidentemente ha paura perché questo referendum, grazie al lavoro del M5S, non sarà una consultazione concentrata sulla solita propaganda leghista sull’autonomia in salsa padana".

Il Pd invita al confronto
Di parere opposto Alessandro Alfieri del Partito Democratico. "Pensiamo che la via istituzionale e il confronto con il Governo sia la via migliore, che fa risparmiare 46 milioni e permette da subito di avviare l'iter per dare alla Lombardia più poteri e più risorse”, ha detto il segretario lombardo del Pd. "Continuiamo a lavorare perché prevalga il buonsenso, si risparmino più di quaranta milioni e si vada a Roma insieme, Maroni e i sindaci Pd dei capoluoghi che hanno firmato un documento per chiedere il federalismo differenziato e costi standard". Sindaci che, spiega Alfieri, rappresentano "più di due milioni di lombardi".

Cronaca

Turchia, la compagna di Del Grande: "Filmava i profughi"

La compagna: “Non va alla ricerca dello scoop, ma di quanto ci può fare riflettere”


L’Italia si mobilita per Gabriele Del Grande, il giornalista arrestato al confine con la Siria e trattenuto da 11 giorni in Turchia. Ieri, una delegazione composta dalle autorità consolari e dal suo legale, ha tentato di fargli visita, ma l’incontro è stato impedito, accrescendo ulteriormente la tensione tra Roma ed Ankara. Sul caso di Gabriele Del Grande, "ci siamo coordinati con le autorità italiane fin dal primo momento, come facciamo in casi simili in cui la responsabilità principale è dello stato membro. L'Ue, in questo particolare caso, si è attivata per sostenere l'azione dell'ambasciatore italiano ad Ankara, che oltretutto ho sentito nei giorni scorsi, per sostenere l'azione della Farnesina e del governo italiano rispetto alle autorità turche". Lo ha detto Federica Mogherini, Alto rappresentante Ue per la politica estera da Pechino. "Questo sta già accadendo in modo discreto ma spero produttivo".

“Arrestato solo perché filmava i profughi”
"Abbiamo girato insieme il video che ha lanciato il crowdfunding per "Un partigiano mi disse", il suo nuovo progetto che ha avuto oltre 1340 sostenitori/donatori: Gabriele voleva incontrare siriani fuggiti in Turchia". Lo afferma a Repubblica, Alexandra D'Onofrio, compagna di Del Grande. "Lui - spiega - va zaino in spalla e chiacchiera, passa ore a parlare con le persone nella loro lingua senza mediatori, in maniera spontanea. Non va alla ricerca dello scoop, ma di quanto ci può fare riflettere. Abbiamo lavorato insieme quando i giornalisti potevano entrare nei Cie, Gabriele scriveva articoli e inchieste. Poi dal 2011 li hanno chiusi e abbiamo deciso di documentare quello che c'era intorno". "Quando è andato in Siria la prima volta, nel 2011 - continua -, ero in apprensione. Ma da quando abbiamo bambini, era poco interessato ad andare al fronte. Ed ora era lì al confine turco per ricostruire in un libro la memoria di quella guerra: come sono nate le prima proteste, come è stata la fuga dalla Siria... Lui si fida di me, mi avrebbe detto la verità altrimenti. Non aveva alcuna intenzione di passare il confine con la Siria".

Alfano: “rilascio immediato”
Il ministro degli Esteri Angelino Alfano ha chiamato il suo omologo turco, Mevlut Cavusoglu, per ribadire la "ferma richiesta del rilascio immediato" di Del Grande. Alfano ha spiegato di aver ricevuto il "massimo impegno" dal governo turco sul fatto che "le procedure verranno concluse al più presto". "La questione delle procedure non può in alcun modo impedire l'assistenza legale e consolare e ogni forma di sostegno", ha aggiunto il ministro, precisando che "il caso è seguito al massimo livello e con la massima attenzione possibile".

Esteri

Venezuela, scontri e proteste contro Maduro: 3 morti

Decine di migliaia di persone hanno manifestato nel Paese per chiedere nuove elezioni e il rilascio del leader dell’opposizione

Sull'orlo della guerra civile, il Venezuela ha vissuto ieri un'altra giornata di manifestazioni e scontri, sfociati nel sangue. L'opposizione è di nuovo scesa in piazza - nella giornata della festa nazionale - per dare vita a quella che è stata definita "la madre di tutte le marce", con l’obiettivo di costringere il presidente Maduro a convocare al più presto nuove elezioni e rilasciare il leader dell'opposizione.

Il bilancio delle vittime
Decine di migliaia di persone si sono riversate per le strade di tutto il Paese e 3 di loro sono state uccise. Lo riporta oggi la Bbc. Le vittime sarebbero il giovane Carlos José Moreno (17 anni), studente di primo anno alla facoltà di Economia, raggiunto da un colpo di arma di fuoco alla testa; Paola Ramirez di 23 anni, rimasta uccisa nel corso delle manifestazioni a San Cristobal nell'ovest del Paese; e una guardia nazionale deceduta a sud della capitale. Nella serata di ieri, Maduro è apparso in televisione, annunciando l'arresto di 30 persone da parte delle forze dell'ordine, che ancora una volta - secondo le parole del presidente - sono riuscite a bloccare un tentativo di golpe. La violenza contro i manifestanti è stata perpetrata soprattutto dai "colectivos", bande armate pro governative che si spostano in motocicletta.

E una donna ferma un blindato
Intanto sta facendo il giro del mondo la foto di una donna avvolta in una bandiera venezuelana davanti a un blindato della Guerra nazionale boliviana, divenuta il simbolo delle proteste di ieri a Caracas. E la mente non può che tornare a quanto accaduto nel giugno del 1989 a piazza Tienanmen. I media dell'opposizione hanno fatto sapere che le immagini della donna che blocca e fa retrocedere il blindato sono state riprese "mentre i militari attaccavano i manifestanti con gas lacrimogeni”.

Sequestrato stabilimento di Gm
È di poco fa, inoltre, la notizia che il gigante automobilistico General Motors abbia dovuto interrompere tutte le operazioni nel Paese, dopo che le autorità venezuelane hanno "inaspettatamente sequestrato" il suo stabilimento nel regione di Valencia. Gm, presente in Venezuela da quasi 70 anni con una società sussidiaria, la General Motors Venezolana, parla di una "misura arbitraria e di una confisca illegittima dei suoi asset in totale disprezzo della legalità". La società, conta circa 2.700 dipendenti e una rete di 79 concessionari sparsi in tutto il paese sudamericano.

Gossip

Julia Roberts è di nuovo la donna più bella del mondo

A decretarlo è stato il settimanale "People". Ed è già la quinta volta per Pretty Woman

Specchio specchio, chi è la più bella del reale? Julia Roberts. Julia Roberts. Passano gli anni, fioriscono nuove bellezze, ma il suo primato, almeno per il 2017, rimane inviolabile. Lo ha decretato il settimanale People. È la quinta volta che viene conferito il titolo alla star di Pretty Woman, che compirà 50 anni il 28 ottobre.

Al tempo di Pretty Woman
La prima volta fu 26 anni fa nel 1991, l'anno dopo l'uscita del film con Richard Gere che la rese famosa in tutto il mondo. All'epoca aveva 23 anni. "Sono lusingata" - ha detto a People. Nell'intervista l'attrice ha parlato anche del suo matrimonio felice con il direttore della fotografia Danny Moder, dei suoi gemelli Hazel e Phinnaeus, 12 anni e del figlio Henry di nove anni. La Roberts ha anche detto che all'epoca dell'uscita di Pretty Woman non immaginava che la sua vita sarebbe cambiata in questo modo. "Ricordo - continua - di aver letto che Pretty Woman era uscito nel fine settimana e aveva incassato tanto. Pensai, sono tanti soldi? E' una buona cosa?".

Gli ultimi progetti
Julia Roberts, che non ha mai accettato la dittatura del botox per gli anni che passano dopo aver dato di recente la voce nel sequel dei Puffi ha appena finito Wonder di Stephen Chbosky, basato sul bestseller del New York Times in cui si racconta la la storia commovente di August Pullman, un ragazzo con differenze facciali che vive un difficile inserimento scolastico. La Roberts interpreta sua madre Isabel mentre Owen Wilson è il padre.

Spettacolo

Capossela in visita a Napoli per il Festival di Sky Arte

Sopralluogo dell'artista al Rione Sanità per definire i dettagli del concerto. Guarda il video

Mancano meno di due settimane al primo Festival di Sky Arte (realizzato in collaborazione con Sky Academy) che si terrà dal 5 al 7 maggio a Napoli, ma l’attesa è già alle stelle. Non solo per chi verrà ospite ma anche per i protagonisti di questi tre giorni all’insegna dell’arte, della letteratura, della musica e in generale della cultura che avrà come tema generale la rigenerazione. 

Capossela in visita a Napoli
È il caso di Vinicio Capossela che in questi giorni è stato in visita al Rione Sanità per definire i dettagli del suo concerto previsto per la chiusura del Festival, domenica 7 maggio presso la Basilica di Santa Maria della Sanità. L’artista è stato nei luoghi, provato alcun strumenti, parlato con alcune persone del luogo in vista del suo evento: si tratterà infatti di un concerto unico, dedicato alle tante dimensioni e ai tanti veli di Napoli, a riconoscimento della sua polidimensionalità e al suo pantheon politeista.

Un concerto unico
Dal mondo ctonio e oscuro delle catacombe su cui si poggia la Basilica di Santa Maria della Sanità, luogo in cui ci svolgerà il concerto, Vinicio Capossela muoverà il suo viaggio musicale alla ricerca di una compenetrazione con i molti strati e le molte anime di Napoli, le sue musiche, le sue luci e le sue ombre, sospinto dalle correnti ascensionali del barocco e accompagnato dalla presenza e dalla partecipazione di numerosi amici musicisti e "pazzienti". Un prototipo “che vivrà e morirà nella stessa sera in cui verrà eseguito”, sotto l’egida e le vesti di San Vincenzo detto o’ Munacone (come viene anche familiarmente indicata la Basilica), un concerto oratorio “da parte di un Vincenzo mancato. E che il Vesuvio e San Gennaro ci accompagnino, amen (tutt'a mme e nient' a jiss)”. Capossela però non sarà l'unico ospite del festival. Ci saranno Manuel Agnelli e Oliviero Toscani, protagonisti di due (fra le tante) masterclass, Benjamin Biolay, cantautore e musicista francese, per la prima volta in Italia, Mimmo Borrelli che si esibirà nello spettacolo teatrale Napucalisse, Erri De Luca, Stefano Di Battista, Nicky Nicolai e ancora Geppi Cucciari, Cristina Donadio, Carlo Lucarelli, Francesco Piccolo. 

Sport

Serena Williams mamma in autunno: incinta di 5 mesi

Annuncio social della tennista statunitense. Rientro nel 2018, obiettivo: il record degli Slam

Dopo le indiscrezioni degli ultimi mesi, ora è arrivata l'ufficialità: Serena Williams è incinta. La statunitense festeggerà la prossima settimana il ritorno in cima alla classifica mondiale con la certezza della maternità. La Williams ha dato l'annuncio tramite Snapchat, dove ha postato una foto in costume in cui mostra la pancia con un commento inequivocabile: “20 weeks”.

Incinta già durante Austrialian Open
Oltre allo stop anticipato questo significa che a fine gennaio, quando ha vinto l'Australian Open battendo in finale sua sorella Venus, Serena era già in attesa del primo figlio, più precisamente alla settima settimana di gravidanza. Il padre del bimbo (o bimba) è Alexis Ohanian, fondatore del social Reddit con cui si è fidanzata ufficialmente a Roma, una delle città preferite dalla coppia.

Un futuro di nozze e record?
Tra flirt e fidanzamenti, la carriera di Serena Williams ha visto passare diversi amori: dal coach Patrick Mouratoglou al rapper Drake. Ma ora la tennista americana sta giocando tutt’altra partita: sempre tramite i social, la Williams ha fatto intendere che presto arriverà anche l’annuncio del matrimonio. Intanto, ora si prenderà una pausa, con il rientro previsto nel 2018 (le voci di un imminente ritiro sono state smentite dalla sua portavoce). C’è un record da battere: quello dei 24 trofei Slam di Margaret Smith Court.

Esclusiva di oggi

Le startup italiane conquistano Londra

Dieci aziende selezionate da iStarter presentano il meglio del Made in Italy agli investitori internazionali


Da Antonio Meucci, che inventò il primo telefono, ai personal computer di Adriano Olivetti, l'hi-tech Made in Italy è sempre stato oscurato dalle più note eccellenze del Belpaese. Ma la realtà è ben diversa e il clima di fermento che si è respirato a Westminster nella due giorni di iStarter ne è stata la dimostrazione più palese. Si tratta dell'acceleratore Italiano a Londra, che aiuta le migliori startup nostrane a crescere nel mondo. Un dispositivo mobile impiantabile contro l'insufficienza cardiaca che non necessita di alimentazione, un robottino di legno che insegna ai bimbi le basi della programmazione e quattro app così innovative da essere già entrate nella vita quotidiana di molti europei, sono solo alcuni dei progetti presentati davanti ad una ricca platea di investitori internazionali. “L'ecosistema italiano sta riducendo sempre di più il gap con l'Europa - spiega Simone Cimminelli, Direttore Generale UK dell'acceleratore - le startup migliorano a vista d'occhio e gli investitori internazionali hanno iniziato ad accorgersene”. “Forti dei trend di crescita e del successo della scorsa edizione, ci aspettiamo che l'iniziativa possa offrire un importante valore aggiunto alle 10 startup selezionate”.

Le startup: Eucardia
Quando si pensa ad una startup viene spesso in mente una nuova impresa, gestita per lo più da giovani, in cerca di un business model scalabile. Se nella maggior parte dei casi la definizione può ancora dirsi corretta non è così per Eucardia, la startup vincitrice del premio Marzotto Marzotto 2016 che mira a combattere l'insufficienza cardiaca con un dispositivo di assistenza ventricolare. Si chiama Heart Damper, ha la forma di un ombrellino da cocktail, e potrebbe rappresentare il futuro della cardiochirurgia. Sfruttando la capacità contrattile residua del cuore scompensato, infatti, l' “ombrellino” si espande durante la fase sistolica, per poi tornare in posizione con la diastole. Tutto questo senza bisogno di alcuna fonte di alimentazione esterna. “L'idea è nata nel 2013 - spiega a Sky Evening News Francesca Parravicini di Eucardia - quando mio padre, cardiochirurgo milanese con oltre 10mila interventi alle spalle ha brevettato Heart Dumper. Per svilupparlo – continua – ho deciso di creare una startup. Sebbene provenga dal mondo dell'editoria e della comunicazione ho sempre avuto una mentalità imprenditoriale”. “Il dispositivo – aggiunge l'ideatore Roberto Parravicini – serve per curare l'indebolimento del muscolo cardiaco. Una sindrome curabile con trapianto e che quindi esclude tutti gli ultra-sessantacinquenni”. Se tutto dovesse andare a buon fine, il primo impianto umano è previsto per il 2020.

Primo Toys
Primo Toys ci riporta all'infanzia presentando Cubetto, il primo giocattolo che insegna ai bambini la programmazione ancor prima che sappiano leggere. “L'idea - ci spiega il CEO Filippo Yacob - è di portare il pensiero computazionale in un contesto dove il bambino possa divertirsi”. Un oggetto rivoluzionario che appena un anno fa, quando venne finanziato in crowdfunding, raccolse più di un milione e seicentomila dollari, entrando nella storia come il progetto educativo più finanziato della piattaforma. “L'anno scorso abbiamo fatturato 4.1 milioni in tutto il mondo e quest'anno abbiamo già superato i ricavi del 2016. L'industria degli Smart Toys è in crescita esponenziale e non ancora ben definita, ma nei prossimi 3-5 anni vedremo quale sarà l'evoluzione del coding”. Cubetto, o qualcosa di molto simile, sarà il giocattolo dei nostri figli, “Basti pensare che già oggi - sottolinea Yacob - lo stato del Maryland possiede un Cubetto in ogni libreria e anche in Italia stiamo lavorando moltissimo con il ministero dell'Istruzione per inserire lo smart toy in tutti gli asili”.

Worldz
“Se vi offrissi dei soldi per fare quello che già fate su Facebook, li accettereste?” Inizia così la presentazione della startup Worldz, Joshua Priore, 25 anni, napoletano. Priore sta parlando di un'app gratuita che permette “Alla gente comune di diventare influencer”. Come? L'algoritmo di Worldz calcola la popolarità del tuo prossimo post su Facebook e gli attribuisce un valore economico dinamico. “Solo il 3% degli utenti Facebook fa parte degli influencer. La percentuale restante è composta da gente comune che, però, può fare pubblicità come i personaggi famosi”. Alla base di tutto c'è l'idea che la “persona comune” possa essere più influente di chi lo fa per professione “Perché conosco personalmente i miei contatti e la distanza è molto ridotta. Abbiamo chiuso i round di finanziamento per un importo totale di 250.000 sterline, entro 12 mesi prevediamo una scale-up a 1.5 milioni con break even point nel 2018”.

Charity Stars
Il Made in Italy 2.0.2.0 ha lasciato spazio anche alla beneficienza. O meglio, a come guadagnare facendo beneficenza. Ne è un esempio Charity Stars, la piattaforma di fundraising dove le celebrità possono mettere all'asta oggetti unici o esperienze indimenticabili per raccogliere fondi e donarli in favore di buona causa. “Qualche tempo fa lessi che qualcuno aveva pagato 1 milione di dollari per pranzare assieme al guru della finanza Warren Buffet – ci dice Francesco Nazari Fusetti CEO & CoFounder di Charity Stars - Dal momento che la somma era stata devoluta in beneficenza, ci è sembrato un sistema geniale per aiutare le no-profit a raccogliere fondi. Perché, quindi, non adottare il medesimo sistema con qualsiasi persona famosa al mondo? ”

Debut: l’app che trova lavoro facendo “giocare” i candidati
Debut è un’app che mette in contatto studenti e neolaureati con le imprese, agevolando la ricerca del posto di lavoro ottimale. Lanciata nel novembre del 2015, è già stata adottata da più di 50 multinazionali, che entrano in contatto con gli studenti, mettendoli al centro di un processo coinvolgente e guidato. Le aziende, di contro, hanno accesso ad un bacino di professionisti altamente mirato. Quando Charlie Taylor, CEO di Debut, era al suo ultimo anno di Filosofia, Politica ed Economia all’università di York, inviò una quarantina di curriculum e partecipò a diversi colloqui rendendosi conto quanto il meccanismo fosse obsoleto. L’idea di Debut nasce proprio così, con l’intento di far comunicare aziende e forza lavoro in una maniera del tutto nuova e interattiva. L’app contiene addirittura dei giochi che testano l’attitudine degli utenti alle diverse competenze oltre ad una funzione di ricerca avanzata che i datori di lavoro possono utilizzare per raggiungere i candidati.

 


Chatsim, Soldo, Velasca e Viniexport
ChatSim, Soldo, Velasca e Viniexport hanno in comune la necessità di rispondere ad un’esigenza ancora non soddisfatta, garantendosi una fetta di mercato inesplorata. “Eravamo a mangiare in un ristorante a Londra e ci è venuta l’idea” spiega a Sky Evening News Manuel Zanella, CEO di ChatSim, la prima Sim al mondo che connette le app di messaggistica, senza costi di roaming. “Abbiamo capito che WhatsApp sarebbe diventato il futuro e abbiamo pensato di creare una sim compatibile. Nella versione base da 12 euro all’anno si può inviare solo testo, per condividere foto, video o chiamate vocali, invece, ci sono invece dei piani dedicati”. Soldo è un’app di tecnofinanza che offre una piattaforma “multi-user spending” per le aziende che devono gestire le spese, e le relative note, dei propri impiegati. “Le tre chiavi di valore del servizio – sottolinea Carlo Gualandri – sono la capacità di delega, il controllo e l’efficienza amministrativa”. In parole più semplici si tratta di una piattaforma simile ad una banca, che gestisce i conti dei propri clienti e autorizza le spese dei dipendenti su direttiva dell’azienda. “Ad oggi - ci dice Gualandri – contiamo una quarantina di dipendenti, abbiamo investito circa 7 milioni di sterline ed entro l’anno ci espanderemo anche in Inghilterra, Lussemburgo e Irlanda”. Enrico Casati, CEO di Velasca, si definisce ironicamente uno “scarparo”, ma l’epiteto sembra piuttosto riduttivo. Il suo marchio, oggi valutato 8 milioni di sterline, vende scarpe artigianali non su misura online. “Pensiamo che l'alta qualità possa essere accessibile a tutti - spiega - Il web ci permette di tagliare tutti gli inutili passaggi nel mezzo, collegando artigiani e persone, grazie all'innovazione della nostra distribuzione e comunicazione diretta”. Tra le note di merito di Velasca, l’aver restituito lavoro ai piccoli artigiani a non chiudere bottega, avvicinandoli alla vendita online.  ViniExport, infine, è una piattaforma digitale che utilizza lo stesso modello del mercato azionario per semplificare le operazioni di acquisto dei vini.  L’impostazione borsistica fa sì che il sito ragioni in termini di denominazioni d’origine e non di singola etichetta, rendendo così il mercato “cieco” ed evitando favoritismi.

Made in Italy 2.0.2.0 a Westminster
L'anno scorso, in occasione della prima edizione, i dieci selezionatissimi progetti vennero presentati al London Stock Exchange, poco dopo l'apertura della borsa al cospetto del board di iStarter. Quest'anno, l'appuntamento tra l'eccellenza italiana e grandi fondi d'investimento si è tenuto a Westminster, una scelta chiara che lancia un messaggio specifico: “Stronger than Brexit”. Nonostante l'esito del referendum, infatti, Londra e l'Italia continueranno a lavorare insieme come da lunga tradizione bilaterale. La capitale inglese ha ospitato solo la prima tappa del tour globale che toccherà anche Beijing e New York ad Ottobre e Gennaio. Il “format” dell'evento seguirà quello già collaudato di Londra: dieci start-up tenteranno la fase di scale-up incontrando i più importanti fondi d'investimento cinesi. Il prossimo gennaio sarà la volta di New York dove iStarter aprirà una nuova sede. La scelta non è casuale perché “la città che non dorme mai” incarna bene lo spirito del gruppo, dove per gruppo si intende iStarter, startup e investitori. Una situazione piuttosto rara quella a cui abbiamo assistito la settimana scorsa, perché la presentazione di Westminster più che uno showcase si è dimostrato essere una vera fucina di idee in cui know-how italiano e fondi internazionali si sono presi per mano.

Sky Evening News – La giornata in 10 notizie

Ecco il giornale della sera di Sky!

Una grafica sempre più moderna, semplice, accattivante, per rendere sempre più immediata la consultazione quotidiana da qualsiasi mezzo: pc, smarthone, tablet. E tanti fantastici contenuti, dal tweet del giorno all'approfondimento esclusivo di giornata sull'attualità, le tendenze, il costume, la cultura, lo sport, i modi di vivere. E poi il meteo regione per regione, il video più curioso del web e il commento sui fatti dell'attualità e dello sport affidato ai giornalisti più autorevoli della galassia Sky.


Due milioni di abbonati a Sky ricevono già Sky Evening News, dal lunedì al venerdì intorno alle 18.
E tra questi, oltre un milione di persone già la seguono con interesse più volte durante la settimana, facendo registrare una media di 300 mila aperture totali ogni giorno. Un pubblico di riferimento adulto, attivo, con una maggiore concentrazione nelle fascia d'età 30-40 e 40-50 anni e una leggera prevalenza maschile.
Il prodotto è nato per soddisfare la richiesta di una informazione rapida, sintetica sulle novità del giorno appena trascorso da parte di quella fascia della popolazione attiva che durante la giornata non sempre ha il tempo di andare a cercare le notizie.

È a loro che si rivolge Sky Evening News: attraverso una mail che ti raggiunge alle 18 sul pc, il tablet, gli smartphone touch e no touch. E basta un clic per scoprire le 10 principali notizie della giornata.Non manca uno sguardo ai principali appuntamenti televisivi della serata su Sky, per fruire al meglio dei contenuti della pay tv e sfruttare al massimo l'abbonamento.
Con pochi clic, inoltre, attraverso Sky Evening News è possibile programmare direttamente la registrazione dei propri programmi preferiti su My Sky. Per ogni contenuto anche approfondimenti dedicati con fotogallery, video, interviste e curiosità e link a Sky.it.

Buona serata con Sky Evening News!

Flavio Natalia
Direttore di Sky Life e Sky Evening News

Cronache di un condominio francese

Anche Valeria Bruni Tedeschi e Michael Pitt ne “il condominio dei cuori infranti”, commedia corale e surreale su come guarire dalla solitudine Clicca per programmare la registrazione su My Sky  

di Marta Rossi

«Immagino uno stabile parigino cui sia stata tolta la facciata... in modo che, dal pianterreno alle soffitte, tutte le stanze che si trovano sulla parte anteriore dell'edificio siano immediatamente e simultaneamente visibili» scriveva quarant’anni fa George Perec, Italo Calvino d’oltralpe. Chissà se Samuel Benchetrit, regista francese di origini marocchine, oltre alla propria autobiografia “Cronache dall’asfalto” non si sia ispirato anche a queste famose pagine per dirigere il suo “Il condominio dei cuori infranti” (stasera alle 21.00 su Sky Cinema Cult).
 
Ascensori rotti e destini incrociati
Lo spunto del film, infatti, ha molto in comune con l’idea di Perec: scandagliare le vite degli inquilini di un condominio di modesta fattura ed estrazione sociale, andando su e giù dal primo all’ultimo piano... ascensore permettendo. E’ proprio il guasto di questo fondamentale elemento di ogni palazzo, infatti, a dare l’avvio alle vicende della pellicola e a portare le vite dei vari e variegatissimi condomini a intrecciarsi, scontrarsi e legarsi. Si va dall’ex attrice di successo all’adolescente scontroso ma buono, dall’uomo in carrozzella all’infermiera perennemente di turno di notte, fino all’anziana algerina che si vede piombare in casa un astronauta della NASA. Un insolito cocktail di destini incrociati accuratamente shakerato come solo i migliori film francesi sanno fare.
 
Un cast internazionale
L’internazionalissimo cast riesce a dar vita e sostanza all’idea di Benchetrit: c’è la nostra Valeria Bruni Tedeschi, che da tempo si dedica anche al cinema d’oltralpe, i francesi  Gustave de Kevern e Isabelle Huppert, la dolcissima franco-algerina Tassadit Mandi e l’americano Michael Pitt, star di “Boardwalk Empire”. Tra tutti i racconti a due in cui si sviluppa il film, è forse proprio quello di Mandi e Pitt a colpire di più per l’incredibile tenerezza con cui due solitudini assai diverse, non solo culturalmente, si incontrano e si complementano. A dimostrazione che, per quanto infranti, non esistono cuori che non possano incontrare la propria bizzarra anima gemella.

BookLovers: Il Confine

Giorgio Porrà ci conduce in un viaggio tra i generi letterari. Clicca per programmare la registrazione su My Sky


Torna su Sky Arte HD l’appuntamento con BookLovers, giunto alla seconda edizione dopo il successo di quella precedente. Un itinerario attraverso i generi letterari e i temi che li compongono. Imboccando strade spesso inaspettate, Giorgio Porrà ci aiuterà a seguire le trasformazioni vissute dai temi nel corso del tempo.

Il tema della guerra
La guerra, oggi sinonimo di orrore, un tempo era territorio di eroi e cavalieri, il viaggio è esplorazione, ma anche un mezzo per ampliare la consapevolezza di sé, e la scienza è fonte di speranza ma anche di potenziale distruzione. Ogni tema ha un significato e ogni epoca è dotata di una propria sensibilità per comprenderlo, anche attraverso la letteratura.Durante ciascun episodio due ospiti ci guideranno in questo percorso, illustrando in che modo questi temi abbiano influenzato il loro lavoro.

Le rubriche
Una serie di rubriche, fra cui quella girata presso il Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano, approfondiranno l’argomento trattato, schiudendo interessanti spiragli sul mondo del cinema e della creatività in genere. Il secondo episodio, in onda giovedì 20 aprile e ispirato al tema del Confine, cederà la parola a Thanos Anastopoulos con Davide Del Degan e Paolo Rumiz, ripresi sullo sfondo di Trieste.

Matrimonio a prima vista Italia

Può la scienza combinare il matrimonio perfetto? Clicca per programmare la registrazione su My Sky


La versione italiana del Format "Married at First Sight" è arrivato alla sua seconda stagione. Le coppie, formatesi per volere di uno psicologo, un sessuologo e un sociologo, si incontrano solamente in un occasione molto speciale: il giorno del loro matrimonio. Quest'anno a guidare il controverso esperimento televisivo c’è lo psicologo dottor Gerry Grassi, il sociologo Mario Abis e la sessuologa Nada Loffredi. Essi avranno il compito di formare le coppie più compatibili e destinate ad un matrimonio potenzialmente longevo.

L’episodio di questa sera
Terminati i festeggiamenti dei 3 matrimoni al buio, gli sposi sono pronti a partire per il viaggio di nozze. Le meravigliose montagne innevate di Andermatt, il fascino di Tel Aviv e uno degli atolli più incontaminati delle Maldive sono le 3 location da sogno che aiuteranno gli sposi a conoscersi meglio: sboccera' l'amore tra loro?

Tutti pazzi per il sesso

Al via la serie piccante che si immerge nelle peggiori esperienze sessuali di alcune coppie di innamorati Clicca per programmare la registrazione su My Sky

Una notte di passione finisce in maniera grottesca; quello che nasce come un appuntamento per mettere un po’ di pepe nel rapporto di coppia termina in una serata da dimenticare. "Tutti pazzi per il sesso" (CI Crime+Investigation HD, doppio episodio dalle ore 22.00) ci racconta come il sesso, a volte, possa rivelarsi davvero imbarazzante.

Esperienze terrificanti
Persone comuni e racconti bizzarri, situazioni al limite, storie imbarazzanti di coppie insospettabili che svelano i loro piccoli, lussuriosi segreti. Attraverso ricostruzioni e interviste in prima persona la serie ripercorre le più scandalose avventure, partite con grande entusiasmo e finite nella vergogna. Nei primi due episodi in onda questa sera, assisteremo alle storia di una coppia che vuole riaccendere la passione ma rischia di svelare i propri segreti e all’avventura di una giovane coppia in mezzo alla natura finita molto male.

Le battute di Edicola Fiore

Attualità e satira con Levante, ospite principale della puntata

Nuova frizzante puntata per l’Edicola del buonumore, che si è aperta con un cast imbacuccato e infreddolito con alle spalle l’edicola, quella vera, di Alfonso, in piazza dei Giuochi Delfici. Tornato nel bar e iniziati a sfogliare come di consueto i giornali, lo showman ha commentato con la sua irresistibile verve alcuni dei principali fatti sportivi del giorno.

Le battute di oggi
Congratulandosi con la tennista Serena Williams, ufficialmente incinta, Fiorello ha suggerito che il bambino potrebbe chiamarsi "Flushing Meadows". Lo showman ha poi ironizzato sull'annuncio del Gran Premio di Formula E a Roma, caraterizzato da auto elettriche così silenziose che "manco te ne accorgi" e piloti costretti a cambiare nome come "Raikon-Enel".

La notizia del gesto di Papa Francesco, che ha fatto salire 4 bambini sulla "papamobile", gli ha dato poi l'occasione di descrivere l'auto del pontefice: "È bianco Papa - ha scherzato Fiorello - . E al posto dei fari ha due ceri… ma la cosa più bella è senz’altro la retromarcia: la vade-retro-satana". Raffica di battute anche sull'aereo di stato (un Airbus in leasing al netto di ogni lusso) su cui viaggia Gentiloni. La hostess d'ordinanza è l’onorevole Finocchiaro (Gabriella Germani) che dà precise le istruzioni sulla sicurezza: "Le uscite di emergenza sono solo a sinistra e vanno raggiunte con la massima calma… spegnete i telefonini, siete degli irresponsabili! E ho fi-ni-to!".

Gli ospiti della puntata
Anche oggi la puntata di Edicola Fiore ha visto la partecipazione di numerosi ospiti. La simpaticissia Cristiana Capotondi ha parlato della sua nuova fiction dallo Speaker’s Corner. Una "cofanata di gnocca" è, invece, apparsa nell'Ipad. Strette nell’inquadratura del tablet tutte e cinque le giovani e avvenenti protagoniste di "The Real" (Tv8): Filippa Lagerbäck, Daniela Collu, Marisa Passera, Ambra Romani e Barbara Tabita. Il super ospite musicale della puntata è stata Levante, che tornerà stasera nella versione estesa del programma, alle 20.30 su Sky Uno HD e Tv8. Domani ospite Paola Turci.

Baia, la Pompei sommersa

In occasione del Natale di Roma, History dedica l'intera programmazione del weekend alla citta' "Caput Mundi"


History celebra la storia e i tesori dell’Antica Roma. Venerdì 21 aprile alle 21.00, in esclusiva sul canale 407 di Sky, arriva: "Baia, la Pompei sommersa". Vicino al golfo di Napoli, sommerso dalle acque, si nasconde uno dei siti archeologico più stupefacenti del mondo. Dal primo secolo a.C., è stato il luogo più esclusivo dell'Impero romano. È l'antica città romana di Baia, un “resort” esclusivo per imperatori e aristocratici, da Nerone a Gaio Calpurnio Pisone, dove sorgevano ville dagli affreschi sontuosi, terme e giardini.  Attraverso l’uso della computer grafica viene ricostruita Baia come era duemila anni fa, ricreando le stanze e le ville dedicate ai piaceri degli antichi romani. Un viaggio nel tempo in un luogo straordinariamente suggestivo, nei fondali di questa sorta di piccola Atlantide romana.

La Pompei sommersa torna alla luce
Il documentario è scritto e diretto da Stuart Elliott, che ne è anche produttore esecutivo con Caterina Turroni e Raffaele Brunetti, ed è tratto da un’idea originale dello stesso Brunetti e di Marcello Adamo. La produzione è firmata da Lion Television (All3MediaCompany) insieme a B&B Film, Thirteen Production in associazione con Channel 4 e ZDF/Arte. La realizzazione è stata possibile grazie alla collaborazione del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Napoli e del Parco Archeologico Campi Flegrei.

Dal Colosseo alla controversa figura di Nerone
Lo speciale "Baia, la Pompei sommersa" va in onda all’interno del ciclo dedicato al Natale di Roma, che si festeggia proprio il 21 aprile. Sempre venerdì, alle 22.00, sarà la volta di "I segreti del Colosseo": indagine sulle tante meraviglie dell’Anfiteatro Flavio.  Sabato 22 aprile alle 21.15 History punta i riflettori su uno degli imperatori romani più discussi di sempre. "Nerone: tiranno riabilitato?" sfaterà alcuni luoghi comuni che ruotano intorno al figlio di Agrippina, Nerone Claudio Cesare Augusto Germanico, che sale sul trono dell’impero romano a soli diciassette anni.

Sta per finire l’ondata di freddo

Clima ancora rigido al mattino ma le temperature nei prossimi giorni saranno in aumento. Tempo buono per il ponte del 25 aprile.

Previsioni per domani, venerdì 21 aprile

Nord: Alta pressione ben salda con cieli sereni o poco nuvolosi su tutte le regioni. Freddo al mattino.
Centro: Ultimi rovesci su Abruzzo e Molise con possibili brevi nevicate sopra i 400m. Bel tempo sulle altre regioni.
Sud: Ultime note instabili sulla Puglia e la dorsale appenninica. Possibili nevicate a quote collinari. Altrove tempo in prevalenza soleggiato.
Temperature: in lieve rialzo al Nord con massime tra 14 e 19°C. Poco variate al Centro Sud con valori diurni compresi tra 12 e 17°C.


Clicca il meteo di Sky

Sta per finire l’ondata di freddo

Clima ancora rigido al mattino ma le temperature nei prossimi giorni saranno in aumento. Tempo buono per il ponte del 25 aprile.

Previsioni per domani, venerdì 21 aprile

Nord: Alta pressione ben salda con cieli sereni o poco nuvolosi su tutte le regioni. Freddo al mattino.
Centro: Ultimi rovesci su Abruzzo e Molise con possibili brevi nevicate sopra i 400m. Bel tempo sulle altre regioni.
Sud: Ultime note instabili sulla Puglia e la dorsale appenninica. Possibili nevicate a quote collinari. Altrove tempo in prevalenza soleggiato.
Temperature: in lieve rialzo al Nord con massime tra 14 e 19°C. Poco variate al Centro Sud con valori diurni compresi tra 12 e 17°C.


Clicca il meteo di Sky